Uno

Un anno, caro C., è già un anno. E sarà che ormai vado spedito verso i 30, ma capisco bene il senso della frase “è già passato un anno, come corre il tempo” che finora non ho mai condiviso.
Quante banalità scontate accadono, in un anno? Quanti eventi? Cosa merita di rimanere, di questi giorni dove siamo sempre di corsa? Di sicuro, perlomeno, possiamo fermarci dopo un anno e fare dei paragoni: un anno fa ero così, facevo questo, pensavo quest’altro; oggi, invece, ho cambiato idea, mi piace ancora quella cosa. Robe del genere.
Sul rimanere soli, di quella solitudine quando un amico se ne va via per sempre, giudicare è più difficile. Nulla cambia, di solito, in questa solitudine; eppure, sappiamo anche che non possiamo fare niente per cambiare la situazione, quindi ci dobbiamo adattare e conviverci. Andare avanti, nel modo egoistico che è poi la sopravvivenza.
Tutta questa pappardella solo perché mi andava di salutarti da qui, dopo un anno; da un posto geograficamente lontano, che però non mi ha fatto dimenticare di te e nemmeno di tutta la gente che conta.
Ciao.

image

Annunci

Qualcosa da dichiarare?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...