LA notte

La notte più lunga e magica dell’anno: eccola qui, la notte di Santa Lucia. Che notte stupenda era. Pregna di magia e di attese, anche di ansie: passerà, la Santa? Sarò stato abbastanza bravo? Avrò chiesto dei regali che potrà portarmi? Non dormivo mai, quella notte, anche se continuavo a impormi di fare il bravo. E poi era tutto preceduto dal rituale del caramellone, quando alla golosità si mescolava la paura di quella persona incappucciata e vestita di bianco. E poi la mattina, che gioia; sembrava quasi un miracolo trovare le caramelle sulle scale, e poi i regali, e il pane e il sale spariti (li aveva presi l’asinello di Santa Lucia). Forse già intuivo che Santa Lucia non poteva esistere; ma solo nei confronti degli altri: solo la Santa Lucia che passava dagli altri bambini avrebbe forse potuto essere fasulla. La mia assolutamente no.

E ora invece, che sono cresciuto, questa notte è solo una notte come le altre, un periodo di buio e di riposo tra due identiche giornate di studio. Nel mio caso, è solo la notte prima di un esame all’università. Fuori si gela, sfrecciano auto e sirene: la gente vive e muore come al solito.

Annunci

2 pensieri su “LA notte

Qualcosa da dichiarare?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...