.

niente
da dire
che valga la pena di essere
detto
(o almeno pensato)
 
parole
 
retorica
 
uomini di merda
 
solo sapere
di
avere sbagliato.
 
nulla di più
 
forse doveva succedere
o no?
 
fanculo
a
me
Annunci

5 pensieri su “.

  1. mi ci mando anch’io, è proprio periodo. poi piove e ciò aumenta le possibilità di voler fare a pezzi qualcuno o qualcosa

  2. oltre alla pioggia e al periodo, io ho anche un macigno di errori sulle spalle. quindi mi cercherò un biglietto solo andata per questo famigerato fanculo. e poi non torno più…

  3. PRIMO: lo so anche io che non torni più, a fanculo si sta benissimo, te lo dice un esperto!
    SECONDO: sugli errori avrei molto da dirti, ne parleremo in una delle nosre sere mistiche, cmq qualche aniticipazione, cosa vuol dire errore?? forse nome di qualcosa che col senno di poi non si rifarebbe, ma cosa vuol dire col senno di poi, col senno di poi la ostra vita sarebbe così perfetta che sarebbe una rottura di cazzo, io ormai ho imparato a prendere l’errore come punto d’inizo, come occasione, come qualcosa che io ho voluto fare e come tale mi va bene….
    quando noi facciamo qualcosa non sappiamo se sia un errore o meno, son solo i rimpianti e i pentimenti che lo trasformano, io propendo per una visione delle cose giorno per giorno mi va bene quello che viene e faccio ciò che ritengo meglio, e per la distruzione della visione feed-back…..il passato è passato, giusto o sbagliato on si può dire..è passato!

  4. sono talmente stronzo che da quello che ho scritto sembra quasi che sia stato io a subire un torto, quando invece questa volta sono dalla parte del torto. per come mi sono comportato, più che per quello che ho detto…
    hai ragione gibo, col senno di poi si riparerebbe a tante cazzate; ma il senno di poi è bastardo proprio perché "di poi", ovvero successivo, e quando agisci invece non c’è… pazienza.
    una cosa che devo imparare è, come dici, che l’errore è "qualcosa che io ho voluto fare e come tale mi va bene": perché è vero, alla base di tutto quello che facciamo c’è pur sempre la nostra VOLONTA’; e se le cose accadono, è perché bene o male volevamo che accadessero; anche perché, in mancanza di una volontà esplicita, è spesso il nostro inconscio che ci fa comportare in una determinata maniera.
    e poi le scuse non servono a un cazzo. è successo, ad alcuni ha fatto molto male, ma ormai è. non si torna più indietro. è qualcosa che si vede doveva succedere; e non perché era destino, ma perché una determinata serie di circostanze ha fatto sì che la situazione diventasse così, e prendesse determinati sviluppi.
    dire scusa o mi dispiace non serve, anche perché non hanno senso: è successo ormai, e dire scusa o non volevo è un po’ come sentire un qualche politico che, dopo una sparata, ritratta. inutile, dunque, e ancora più dannoso.
    ormai la mia posizione è presa, buona o cattiva. non porterà a nulla, lo so, ma ormai è…
    mandarmi a fanculo serve, e molti lo faranno: ma sono in buona compagnia. ciao gibo grazie

Qualcosa da dichiarare?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...