ventuno più uno

se m rivolgo a me stesso con l’appellativo di "il solito stronzo" c’è un perché… infatti, da vero stronzo, faccio oggi, e solo oggi che è il 13 maggio, una specie di intervento aka quattrorighebuttategiùacaso riguardante il mio compleanno (avvenuto l’8 maggio).
che dire? per essere un pochino più originale del solito, dico; anche se alla fine scriverò qualcosa di molto poco originale… di sicuro c’è da dire che è stato un compleanno lungo. oddio, non da "dieci giorni da paiura" stile le cose che scrive gibo, però sono stati tre giorni interessanti. l’8 maggio è cominciato con un placido risveglio alle 9 circa, seguito da una fantastica lezione dell’indispensabile laboratorio di scrittura italiana dalle 10.30 alle 12. e lì primo regalo, by ale.
poi, finito il fantastico lab, attesa fino alla una (come si dice a milano e como) per attendere la lizzi che, puntualissima, all’una si è materializzata in piazza fontana con il secondo regalo della giornata: rigrazie.
ma era già tempo di guest star, e da dietro l’angolo spunta – puff! magia – quel simpaticone del gibo in versione estiva: baci, abbracci, strette di mano, via a pranzo per un pizzino veloce affiancati da trote giganti arancioni.
poi… parco sempione: strabello! estività dilagante, ghiaccioli, gelati, acqua ghiacciata e l’apparizione della fantastica francesca ad allietare il nostro pomeriggio. poi, verso le 5, un piccolopoco di ginnastica: dal parco sempione a corso san gottardo e da corso san gottardo al duomo tutto a piedi, scroccando red bull cola alle pseudo fighe con la mini corredata di tori con le ali…
metro duomo-zara, poi altra sgobbata a piedi fino all’esselunga di viale zara 123; spesa alcoolicamente esosa; rientro carichi come muli verso la base di via murat 8, dove troviamo ad attenderci riki, reduce da un esame. finalmente a casa, ecco arrivare gli ultimi 2 dell’ave maria, ovvero sulflotti e paola, e la festa può cominciare…
cena allegra, diciamo, condita dal gioco dei tre re, da gibo che "prova a cagare", dai filmati su youtube che fan girare la testa e da spaghetti che non si sa come scendono dal mio naso.
fine prima parte, ovvero compleanno milanese.
seconda parte, sabato 10 maggio: pizzeria victoria, bienno; 19 persone (tantissime) per festeggiare me e botticchio a colpi di risate e bottiglie. ancora regali: libro by anna ale vale ludi. poi conary, dove addirittura la gente riusciva ad addormentarsi nei prati (non io, sia chiaro!), e tanto altro che sfuma in un sonno precoce da alcool…
 
ho cercato di essere originale, ma mi tocca finire in maniera "scontata" anche se i ringraziamenti non sono mai banali. quindi grazie a gibo, ormai cittadino di milano; a riki, che mi sopporta da sempre; pochissime grazie a melotti, che preferisce le cene con gli zii a quelle coi suoi coinquilini, e tantissime a sulflotti aka lo scuotiteste e a paola, la migliore pasticcera-gelatiera del mondo; grazie a carlo, che mi fa sempre gli auguri il 9 (fa niente, lo sai); a botticchio, con cui festeggio sempre insieme (qualsiasi cosa); ad ale e lizzi, che hanno avuto il privilegio di conoscere gibo aka "è colpa delle donne"; a cocchi, a cui prima o poi presterò il compressore; a gip, che per una sera ha quasi dimenticato la morosa per venire a cena con noi; a jonny, sempre fantasticamente ziehen; a laini, che è riuscito a divertirsi senza bere (almeno così dice); a anna, che sul serio è stata gradita sorpresa; a ludi, ale e vale, che anche stavolta c’erano; a giacomo aka collega di botticchio; a nelly anche se non mi ha fatto gli auguri; a tutti quelli che invece mi hanno fatto gli auguri; ai miei genitori, a mia sorella, ai miei nipoti…
alla prossima. ciao a tutti
 
 
Annunci

4 pensieri su “ventuno più uno

  1. i ringraziamenti a famiglia e nipoti son da strappalacrime.
    sei il solito tenerone iurazzo.
    la sera del tuo compleanno è stata una delle più devastanti per il mio fisico da sempre.
    ero proprio volatilizzato.
    hai presente l’acqua che può trovarsi in vari stati? ecco io ero allo stato gassoso.
     
     
    bella zio come dice il bastardello col cestello e le anatrelle qua qua qua

  2. dai cazzo volevamo frasoni e mega propositi e invece sembra un tema delle elementari sulla gita… senz’altro originale direi…
    ah se sei diventato vecchio… una volta sì che eri tu quello sdraiato per terra e fiero di esserlo…
     
    maaaaaaa per caso ti sto sul culo?
    ciao pirla, si nonostante tutto la gente (compreso io) ti vuole ancora bene… l’ignoranza delle masse!
     
    lascio questa perla: meglio cambiare continuamente che rimanere sempre se stessi!
    e infine: l’86 non invecchia mai, accumula soltanto esperienza…
     
     

  3. ohi grazie dei commentssss… avete ragione, sono stato un po’ politico: promesse di frasone e poi ripiegamento patetico-strappalacrime: che ci volete fare, anche con un anno in più, anche se ormai vecchio, sono sempre il solito stronzone…
    grazie di tutto, per sabato e giovedì… ciao

Qualcosa da dichiarare?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...